La cena


Una tavola imbandita, con I miei segnaposto inventati con I pezzetti di carta trovati in giro e le foglie del giardino.
Cibi semplici e della tradizione, mescolati a pochi sapori esotici che conosciamo.
Apparecchiata velocemente, perchè eravamo tutti in cucina, a preparare il pane e la schiaccia, con il sedere sporco di farina e le unghie dure per la pasta rinsecchita (del giorno prima), la faccia sporca di salsa e I canovacci sempre umidi.
C’erano candele e la compagnia era piacevole.
Eravamo bravi, tuttosommato, a mettere a tavola 10 persone con niente in frigo.

Una tavola senza tovaglia con I resti di cibo e I bicchieri con un goccio di vino rosso secco.
Abbiamo ritardato un pochino ed è arrivata subito la muffa.
Sarà questa città umida.
Saremo noi con la fissa delle cose genuine e senza conservanti.
Sarà che si è messo a piovere.
Mannaggia.

L’altra sera ho invitato a cena I 3 pesci rossi. Ho messo la boccia d’acqua sul tavolo nel posto vuoto. Abbiamo mangiato in 6. Pasta in bianco, ma con l’olio buono, e fiocchi multivitaminici per pesci rossi splendenti.

Solo nel Vicolo il gatto beve dalla boccia dei pesci e si sistema vicino a noi mentre mangiamo sul tavolino-arancione-troppopiccolopertutto.

Per dolce, abbiamo inventato un gelato di plastilina e lo abbiamo portato ai nostri amici pesci dell’acquario grande in salotto.

Ci siamo addormentate andando nel bosco a raccogliere funghi, foglie colorate e ricci.
Che pace dormire col cestino pieno di cose inventate.

Annunci

2 pensieri su “La cena

  1. il gatto beve, io cucino, il cucciolo dorme. Domattina colazione col dolce, sei invitata, l’ultimo vicino del vicolo si è già prenotato anche se credo non si sveglierà… lasceremo un pezzo sulla finestra…

  2. Qui in alto non ci sono gatti nè pesci. Solo un cagnolino che vedo dalla finestra. Anche io vorrei un cagnolino a farmi compagnia, che mi distragga quando la testa inizia a viaggiare su binari inutili e dannosi. Basta pensare, basta preoccuparsi. Parola d’ordine: VIVERE. E prima di fare le cose, pensa se le stai facendo per te o per gli altri…Per te o per gli altri?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...