Tutto è iniziato con una corda su un ramo alto


Tutto è iniziato con una corda su un ramo alto.

In un fazzoletto di giardino urbano, dove ripetutamente e a più mani la guerrilla gardening ha tentato il ri-utilizzo di uno spazio verde abbandonato alle cacche canesche e alle siringhe, questo avvenne.
Un branco di genitori giovani e folli, di artisti giovani e folli, di bambini giovani e folli hanno festeggiato il primo maggio.
Così, un po’ improvvisato un po’ pensato.

“ognuno porti qualcosa”, diceva l’A4 b/n appiccicato in quartiere (qui a bologna… usa incollare fogli ovunque, anche sui cassonetti senza perdere per questo credibilità).
Un’asse di legno e una corda lunghissima hanno rinsaldato legami di amicizia ormai da anni consolidati.
Segreti complici e sussurrati.
Tappi, nocciole, elastici, stuzzicadenti e cannucce hanno preso forma di omini e animali.
Una corda tesa tra due alberi vicini ha sostenuto grandi e piccini mentre percorrevano strapiombi e precipizi di poche spanne.
Cani accomodati su teli colorati controllano le tele esposte sui rami dell’alloro.
Musica, musica, musica.
Carne alla griglia e pane buono.
Focaccia e dolci.
Vino.
Vino.
Sempre musica.
Libri, trampoli, creta, pennarelli e fogli.
Poi ancora mangiare.
Sempre vino.
Bambini sul (mio, con vanto) carretto giallo, principale attrazione per loro e odio dei padri.
Sessioni di yoga dimenticate, perchè abbiamo tutti mangiato troppo (e bevuto).
Musica e vino.
Si balla sui trampoli.
Il frisbee non può mancare.
I bambini e i cani ascoltano una storia.
Tutti ridiamo con Urana.
Ridiamo di gusto.
Ridiamo.
Ridiamo.
Perchè oggi abbiamo riconquistato un pezzo di terra.
Di terra nostra.
Di terra di tutti noi che viviamo qui.
Almeno per un giorno.
Non si vende la terra su cui la gente cammina.
Non mi stavano nelle parole tutte le emozioni.
Le altre, quelle che potevo far vedere, le ho messe qui.
Le altre le ho nel cuore.
Annunci

4 pensieri su “Tutto è iniziato con una corda su un ramo alto

  1. ah (sospiro) il primo mare…qui del mare nemmeno l'ombra.C'era l'ombra degli ippocastani… Vi aspettiamo presto…ah, e aspettate pure noi che mica ve la cavate così…anche noi vogliamo il sopra-Vento del mare!

  2. Leggo di questa bellissima giornata, di sorrisi ritrovati, di vino e di spazi riconquistati, e sospiro un pò…qui dove sono io tutto questo non sarebbe mai e poi mai possibile, purtroppo.

  3. anche qui sembrava così… poi non so…è successa una magia, un incontro di menti, di braccia, di voglie e di necessità condivise dai più.E' qualcosa è cambiato.Non è stato facile, anzi.Ma non demordere, a volte basta pochissimo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...