Novembre di Venere


Novembre malandrino sei arrivato.

La luce è stata inghiottita.
Un’ora è stata divorata.
Il sole è stato rapito.

Che fatica, che sarà.

Bisogna correre ai ripari.
Bisogna inventarsi amuleti e totem.
Bisogna aguzzare l’ingegno.

Potrei mettermi la Venere di Willendorf sul  tavolo.
Osservare ogni giorno le sue rotondità e sognare le abbondanze primaverili ed estive.
Strizzare le meningi e proiettare la fertilità femminile della Venere su Gaia, sperando che venga trasposta nel mondo reale.

Questo richiede concentrazione.
E fatica.
Molta fatica.

Abdico, allora.
Metto una padella rossa in testa e costruisco un nuovo totem.

Ecco a voi la mia Venere di Novembre.

Annunci

4 pensieri su “Novembre di Venere

  1. >@ones ho trovato questo totem in un giardino di una casa in campagna in Toscana. Il contadino-artista che la abita spesso esibisce oggetti bizzarri. Questo mi ha affascinato. Non potevo portarla a casa: è un'opera d'arte esposta a cielo aperto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...