Il Buono è cattivo


“Ciao, vieni al mio compleano domenica?”

” eh, non non posso. Devo andare a Messa a prendere il Buono.”

….

….

 

No, non ti devi arrabbiare se non possono venire a giocare con te perché devono andare a Messa. Lo so che è il tuo compleanno. Noi rispettiamo le loro esigenze e facciamo iniziare la festa alle 17:00 (perché prima devono mangiare dai nonni, certo). No, non so davvero spiegarti questa cosa dei Buoni e della Messa. Ah, capisco. Quindi, il più presente nei banchi alla domenica, cioè il migliore, riceve un Buono e alla fine dell’anno vince qualcosa. Capisco.

Se vuoi, puoi barattare i nostri buoni Coop.

1 buono Coop = 1 buono Messa. Sono seria. Va beh, 10 buoni Coop = 1 buono Messa.

Oppure puoi chiedere alle nonne che, di buoni, ne hanno accumulato molti nel corso degli anni. Tra l’altro, loro dei buoni non se ne fanno nulla perché a Messa ci vanno perché ci credono. E non vogliono vincere niente.

No, non puoi portare a scuola la tessera Coop.

 

Annunci

13 pensieri su “Il Buono è cattivo

  1. ma stai scherzando? dimmi che stai scherzando per favore…. io sono atea,agnostica, eretica o come vuoi ma i buoni alla messa della domenica mi lasciano allibita….. e sono contenta di aver smesso di frequentare certi ambienti e di non averci mandato i miei figli….. dimmi che stai scherzando per favore, siamo nel 2012!
    Sandra

    1. Nessuno scherzo. Io sono un po’ …così…. Ecco. Non so che dire. Devo buttarla sul ridere e sdrammatizzare. Il mio sforzo è davvero davvero Zen. Nonostante la non frequentazione dell’ora di religione a scuola tutte le mattine si dice “una preghierina per iniziare bene la giornata”. Quando ho fatto notare che forse non era il caso dato che una (e una sola) bambina non faceva religione la risposta è stata “ma noi siamo tolleranti, la bambina può rimanere in classe seduta al suo posto.”
      Capisci? Il mio essere Zen ha suggerito di insegnare a mia figlia una poesia divertente “per iniziare bene la giornata” (Ho scelto Rodari Il gatto inverno) anche se avrei voluto proporre un Saluto al sole a giorni alterni a tutta la classe. Al posto della “preghierina” lei “recita” Rodari. Buongiorno assicurato. È un tentativo il mio.

      1. Ne so qualcosa in quanto a ore di religione e preghierine…. io ho sempre detto che potevano fare quello che volevano a patto che i miei figli fossero contenti: la Ginevra che adesso ha 16 anni ha voluto smettere di fare religione il secondo anno di asilo, a 4 anni quindi, Lorenzo in seconda elementare. Ho sempre pensato che se i miei figli avessero voluto seguire la via del Dio cristiano o di qualsiasi altra dottrina religiosa lo avrebbero fatto con coscienza e con scelta e non per imposizione…. coraggio, Rodari è sicuramente un buongiorno! resistere, bisogna resistere…. baci
        Sandra

  2. uh funziona ancora come quando ero piccola io, ti davanoil buono per il fioretto se andavi alla messa nei giorni feriali a maggio e vincevi la gita 😀
    ed era profondo nord 40 anni fa o giù di lì

  3. ma dai! non ci posso credere…mai sentita questa del buono! io la vedrei cosí: sono agli sgoccioli, alla prostituzione pur di accattivarsi le masse. E’ un segno del declino. (e comunque mai detta neanche la preghierina per iniziare bene la giornata…ma dove l’hai iscritta?)

    1. Sulla carta in una scuola che garantisse tutto l’organico, il tempo pieno e che non fosse gestito da religiosi. Eppure è Pure una scuola bilingue (quasi). La direttrice mi disse che sono state Le Mamme a chiedere la preghierina. Insomma, che sfiga maledetta!! Saranno le uniche preghierine leccesi che si levano alla mattina dai banchi di scuola??!!

      1. ma possibile che non ci siano altre mamme che si lamentino? nella scuola pubblica dove di religioni in una classe ce ne sono minimo 3, una cosa del genere non sarebbe consentita! arguisco che non è una scuola pubblica, vero?

      2. Le mamme hanno chiesto di fare la preghierina. Le mamme, non il corpo docente.
        Sappi che io ho vinto la mia battaglia personale: Zoe sarà l’unica ad avere una materia che si chiama “Alternativa”. Unica frequentante in tutta la scuola.
        La morale è: si può fare, basta lottare.

      3. alternativa… i miei figli hanno girovagato per i corridoi di tutte le scuole con l’alternativa…. comunque, meno male che ce l’hai fatta!!!
        speriamo che non discriminino troppo la ragazza… sai, se sei un po’ fuori dal coro ti guardano con occhi diversi… ne so qualcosa, noi atei, conviventi per scelta, irriverenti e senza peli sulla lingua…grande risultato cara!!!!
        Sandra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...